Avery Dennison introduce la technologia Aqua Opaque™ - che mantiene bianche le etichette da vino non patinate, anche in situazioni di elevata umidità

OEGSTGEEST, Paesi Bassi — 15 settembre 2015 — Una nuova tecnologia esclusiva di Avery Dennison ha risolto un problema annoso per i produttori di vino che desiderano utilizzare etichette non patinate per le loro bottiglie. Frontali in carta non patinata, con una finitura opaca rappresentano il mezzo più comune per conferire alle bottiglie un aspetto premium, ma hanno sempre evidenziato un grande limite: diventano grigi in presenza di acqua. Presentata da Avery Dennison al prossimo Labelexpo 2015, la nuova soluzione Aqua Opaque™ resiste all'ingrigimento e apre nuove possibilità di design.

Andrew Crawford, vicepresidente marketing di Avery Dennison Materials Group Europa, ha affermato che ai produttori di vino ora può essere proposta una carta non patinata che rimane bianca più a lungo ed è adatta all'etichettatura del collo e del corpo principale della bottiglia: "Alcune carte non patinate offrono possibilità di decorazione molto interessanti, ma possono perdere fino al 50% della loro opacità in presenza di umidità quando vengono utilizzate con un adesivo tradizionale. Questo provoca l'ingrigimento dell'etichetta della bottiglia e le conferisce anche una colorazione irregolare. Questo nuovo approccio protegge le carte non patinate fino a un massimo di due ore, mantenendo il loro aspetto bianco opaco. È un'opzione particolarmente importante per i produttori di vini bianchi, rosati e spumanti dove mantenere un'immagine premium del marchio nel secchiello del ghiaccio è fondamentale".

La soluzione Aqua Opaque non richiede uno strato di film supplementare o una carta più spessa e utilizza un adesivo a emulsione al fine di mantenere i massimi livelli di prestazione sulle macchine da stampa tradizionali. Il risultato è un'etichetta che non è più rigida di un'etichetta standard e può essere applicata facilmente ai colli delle bottiglie. Andrew Crawford ha affermato che il passaggio alla nuova tecnologia è semplice e veloce: "Il materiale si trasforma allo stesso modo di un tradizionale materiale autoadesivo a emulsione, quindi non esistono impedimenti alla sua adozione. Sostituisce semplicemente una soluzione di etichettatura già esistente."